Frascati, firmato l’accordo del Progetto Eco – Vino

Frascati, firmato l’accordo del Progetto Eco – Vino

  • Print
  • Add to Favorites

Una piattaforma informatica consentirà di individuare quando l’uva è nelle condizioni ottimali per la vendemmia e ridurre i trattamenti chimici a calendario. Il Sindaco Di Tommaso: “Un’importante iniziativa che vede impegnate le migliori forze della ricerca del territorio laziale congiuntamente a giovani realtà produttive del vino Frascati”

Frascati, lunedì 6 ottobre 2012 – Alla presenza del Sindaco di Frascati Stefano Di Tommaso, lo scorso 27 settembre è stato firmato a Palazzo Marconi l’accordo formale per costituire il partenariato del Progetto Eco-Vino. L’iniziativa prevede la realizzazione di una piattaforma informatica con il duplice obiettivo di informare i produttori e le cantine quando l’uva è nelle condizioni ottimali per la vendemmia e la trasformazione in vino, oltre a dare informazioni meteo-fenologiche ai viticoltori per ridurre i trattamenti chimici a calendario. Il progetto avrà una durata di 2 anni, con inizio nel primo bimestre 2013. Il costo è previsto in 223.500 €, di cui 150.000 € richiesti al GAL e 73.500 € derivanti da co-finanziamento dei soggetti partecipanti. La piattaforma integrerà osservazioni fenologiche (fasi di sviluppo in diversi ambienti), misure meteorologiche puntuali in vigneti di riferimento, previsioni meteo tramite modello ad area limitata e simulazioni fenologiche del ciclo annuale di vite e parassiti allo scopo di informare i viticoltori sui tempi migliori per la vendemmia e per gli interventi antiparassitari.

«Auspico una sollecita approvazione di questa importante iniziativa – sottolinea il Sindaco di Frascati, Stefano Di Tommaso – che vede le migliori forze della ricerca del territorio laziale, congiuntamente a giovani realtà produttive del vino Frascati, affrontare problematiche che servono a migliorare le condizioni di lavoro in agricoltura innovando i processi della filiera per un migliore prodotto vino sul mercato e per la ulteriore qualificazione degli operatori della filiera stessa».

I vantaggi nella direzione della qualità, salvaguardia ambientale ed economicità della produzione appaiono evidenti. In linea con la sperimentazione di nuove tecnologie (strumentazione per misure ambientali, comunicazione wireless ed uso di modelli agro-meteo fenologici) in corso in vari paesi Europei, nel progetto verrà assicurato il monitoraggio costante di dati meteo e agro-fenologici nei vigneti sperimentali da inviare in piattaforma. Questi dati saranno impiegati per alimentare e calibrare i modelli agro-meteo ad alta risoluzione messi a disposizione dai partner: IBIMET-CNR (previsioni meteo), DAFNE-UNITUS (osservazioni fenologiche) e METEOTEC srl (modellistica agro-fenologica). La Cooperativa Antiche Terre Tuscolane (CATT) si occuperà di usare i risultati dei modelli, spazializzarli tramite tecniche GIS e riferirli in maniera specifica a ciascun vigneto sperimentale (e auspicabilmente, nell’immediato futuro, a tutte le aziende interessate della Denominazione Frascati) per renderli disponibili puntualmente via web e inviare in forma concisa via SMS messaggi specifici alle singole aziende delle filiera del Frascati partecipanti al progetto, ed in particolare modo ai produttori della Cantina Sociale di Monteporzio Catone ed alle aziende vitivinicole soci dell’Associazione Produttori Uve Frascati.

Rispetto alle finalità del Bando, il progetto Eco-Vino intende incentivare la collaborazione e la cooperazione tra i produttori primari, le imprese di servizio, gli organismi pubblici e privati impegnati nella ricerca e sperimentazione, per l’uso di nuove tecnologie favorendo il trasferimento delle conoscenze; aumentare le produzioni di qualità, tipiche e biologiche; migliorare il livello di professionalità degli operatori e le competenze specifiche del settore viti-vinicolo.

9 Commenti

I commenti sono bloccati