Galleggio, Annego, Galleggio

Galleggio, Annego, Galleggio

  • Print
  • Add to Favorites

L’arte della danza si fonde con la letteratura cilena e la filosofia austriaca. Una pista immaginaria che incarna un’umanità sospesa a mezz’aria.

Roma, 24 marzo 2013 – Un discepolo dice al Maestro:“Sono uno stupido. Galleggio, annego, galleggio, annego, galleggio, annego …. Quando potrò liberarmi da questo doloroso mondo? Galleggiare, annegare, galleggiare …. Com’è difficile vivere!”. Il Maestro non risponde. Il discepolo lo guarda a lungo, in attesa, e alla fine gli dice: “Maestro! Non sono forse qui, davanti a lei, a farle una domanda?”. “Dove sei adesso? Stai galleggiando o annegando?”.

Debutta in prima nazionale al Teatro Vascello di Roma il 27 marzo 2013, lo spettacolo di danza contemporanea “Galleggio, annego, galleggio”, progetto coreografico ideato e diretto da Patrizia Cavola ed Ivan Truol. In scena fino al 29 marzo 2013, la Compagnia Atacama trae ispirazione dal testo “Il cabaret mistico” di Alejandro Jodorowsky, dalla frase “Il sapere e il riso si confondono” di Ludwig Wittgenstein e dalle brevi storie e tradizioni filosofiche Alchemiche, Sufi, Buddhiste, Koan, Haiku, Zen e Tibetane. Il risultato è un’elaborazione coreografica che dà vita ad una poesia fisica, pittorica e visionaria sull’immagine, la parola e la musica originale del compositore Sergio De Vito.
Galleggio, Annego, Galleggio è un lavoro corale incarnato da un’umanità strabordante in movimento su una pista immaginaria e sommersa” – spiegano i due ideatori – “che in una continua alternanza galleggia annega galleggia”. Patrizia Cavola ed Ivan Truol elaborano sul palcoscenico una danza contemporanea che prende spunto da ciò che la scrittura riesce a far esprimere attraverso il solo movimento corporeo. Un susseguirsi di storie che hanno reso possibile il confrontarsi e ridere o almeno sorridere dei difetti, delle debolezze e delle contraddizioni dell’essere umano.

Nata nel 1997, la compagnia Atacama è stata fondata da Patrizia Cavola, coreografa e danzatrice e da Ivàn Truol, coreografo, danzatore, attore, come risultato di una collaborazione artistica esistente da diversi anni, che nel tempo ha dato vita a diversi spettacoli e creazioni collettive. Tantissimi i progetti creati. Dal 2011 al 2013 Atacama ha partecipato al progetto “In scena diversamente insieme”, a cura di Alvaro Piccardi, con finalità di integrazione sociale di categorie a rischio di emarginazione, con tre laboratori di teatro danza, ideati e condotti da Giorgio Rossi e da Ivan Truol.

837 Commenti

I commenti sono bloccati