La Coscienza di Zeno al Quirino

La Coscienza di Zeno al Quirino

  • Print
  • Add to Favorites

A teatro l’analisi psicologica di Zeno Cosini. Un personaggio alla continua ricerca di una guarigione dal suo malessere, attraverso tentativi spesso assurdi e particolari.

Roma, 22 Marzo 2013 – Si conclude al Teatro Quirino di Roma la fortunata tournèe della Compagnia teatrale il Carcano inaugurata lo scorso 16 gennaio al Teatro Carcano di Milano. Tratto dal romanzo di Italo Svevo, dal 2 al 14 aprile 2013, è in scena l’attore Giuseppe Pambieri con “La coscienza di Zeno”, opera teatrale per la regia di Maurizio Scaparro. Sullo sfondo di una Trieste cosmopolita e mercantile, tra la fine della Belle Epoque e la Prima guerra mondiale, prende vita la storia di Zeno Cosini, figura emblematica della letteratura italiana di fine ottocento. Lo spettacolo riprende lo storico adattamento del romanzo che Tullio Kezich realizzò nel 1964.
La Coscienza di Zeno racconta la storia di un uomo particolare, fragile e disadattato che di fronte al suo psicanalista dà voce a tutti quei momenti che, in un modo o nell’altro, hanno marcato la sua esistenza. La morte del padre, la rivalità con il cognato Guido, l’amore non ricambiato per una fanciulla e il matrimonio di ripiego con la sorella di lei. Una serie di eventi che creano in Zeno Cosini, un uomo debole, nevrotico e frustrato dalla sua incapacità ad adattarsi ad un mondo verso il quale si definisce “malato”. Nonostante le problematiche interiori, il protagonista letterario di Italo Svevo riesce a sorprendere per il suo atteggiamento distaccato e ironico per cui- “La vita non è né brutta né bella, ma è originale”.
Pubblicato nel 1923, La Coscienza di Zeno è un romanzo che dà il via ad una forma stilistica nuova. Il personaggio viene ora affrontato nella sua più intima introspezione, focalizzando i momenti salienti della propria esistenza in un ordine non più cronologico bensì guidato da una particolare logicità tra gli episodi ricordati.

Con Enzo Turrin, Giancarlo Condè, Silvia Altrui, Livia Cascarano, Guenda Goria, Marta Ossoli, Antonia Renzella, Raffaele Sinkovic, Anna Paola Vellaccio e Francesco Wolf. Scene di Lorenzo Cutuli, costumi di Carla Ricotti e musiche di Giancarlo Chiaramello.

ORARI SPETTACOLI
: dal martedì al sabato ore 20.45 
giovedì 4 e mercoledì 10 ore 16.45
, giovedì 11 ore 16.45 e ore 20.45, 
sabato 13 ore 16.45 e ore 20.45
, tutte le domeniche ore 16.45.

456 Commenti

I commenti sono bloccati