A Grottaferrata cena di solidarietà per l’Acros

A Grottaferrata cena di solidarietà per l’Acros

  • Print
  • Add to Favorites

L’Associazione si occupa da anni di aiutare le famiglie e i pazienti oncologici. La giornata è finalizzata alla raccolta fondi per sostenere le tante attività avviate dalla onlus nel territorio dei Castelli Romani

Frascati, venerdì 14 giugno 2013 – Un grande evento di solidarietà, che si traduce soprattutto in «Un gesto d’amore per stare meglio», che è tra l’altro il titolo della manifestazione che l’Associazione Castelli Romani Servizio Oncologico Onlus, Acros, organizza per domenica 16 giugno alla «Casina dell’Orologio» di via della Molara a Grottaferrata. Con inizio alle ore 12, l’evento prevede un pranzo di beneficenza all’interno del quale i componenti l’associazione, che da 25 anni si dedica all’assistenza ai malati di cancro e ai loro familiari, offriranno ai presenti uno spettacolo a sorpresa, con musica, giochi e intrattenimenti per bambini e l’estrazione finale di premi messi a disposizione dagli sponsor dell’iniziativa. Patrocinata dal Comune di Frascati e realizzata in collaborazione con Valentina Eventi d’Autore, la giornata di solidarietà vedrà la partecipazione del Sindaco Stefano Di Tommaso con il Presidente della Onlus Adolfo Santini.

L’A.C.R.O.S., nata su iniziativa di Teresa Mennini e Mino Buonuomini, medici del territorio animati dalla volontà di offrire gratuitamente informazione, prevenzione e assistenza domiciliare, qualificata e diretta, ai malati oncologici terminali e alle loro famiglie, anche nella fase di elaborazione del lutto, opera nel territorio dei Castelli Romani con 27 soci operativi, 2 medici (oncologo e chirurgo) che si avvalgono della collaborazione di infermieri e di psicoterapeuti, per un numero di pazienti che si aggira intorno a 4 per settimana. «In venticinque anni di attività – afferma il presidente Adolfo Santini – il nostro progetto di assistenza e prevenzione ha raggiunto tanti malati, aiutati dai nostri soci a vivere la loro condizione in modo nuovo e umano. Sono oltre 100 mila le donne che hanno ricevuto informazione soprattutto per il tumore alla mammella, grazie alle pubblicazioni monografiche prodotte».

Con sede in via Wolfango Venturini 12 l’associazione, autofinanziata dai tanti amici che, versando una quota annua, testimoniano la loro fiducia nel suo operato, vive anche grazie a donazioni liberali, alla prestazione di servizi volontari, agli eventi di raccolta fondi e al contributo del 5×1000 dell’imposta sul reddito delle persone fisiche a sostegno del volontariato e delle Onlus. Sono tanti i progetti in atto nel campo del sociale. Tra questi «La stanza rosa», uno spazio interno alla sede messo a disposizione di persone anziane, dove i soggetti che lo richiedono vengono coccolati e ascoltati dai volontari dell’associazione. «Nel programma di ampliamento delle attività dell’associazione – conclude il Presidente Santini – c’è anche un centro diurno per anziani con servizio navetta a domicilio e il progetto Teniamoci in forma a sostegno delle scuole e indirizzato ad aiutare i ragazzi a superare traumi e difficoltà causate da disagio sociale».

339 Commenti

I commenti sono bloccati