Lanuvio presenta “Castelli in Africa”

Lanuvio presenta “Castelli in Africa”

  • Print
  • Add to Favorites

Al via la nuova edizione del festival interculturale di Lanuvio con dibattiti, eventi e tanta musica internazionale. Una kermesse voluta dall’Amministrazione Comunale che per tre giorni attirerà turisti e appassionati nella cittadina dei Castelli Romani

Lanuvio, lunedì 2 settembre 2013 – Torna anche quest’anno, per la sua sesta edizione, il Festival internazionale Castelli in Africa con il suo carico di allegria, buona musica, ma anche di impegno sociale e civico. Nella suggestiva location di Villa Sforza Cesarini a Lanuvio (Roma) dal 6 all’8 settembre 2013 una tre giorni di eventi, dibattiti, concerti e buona cucina all’insegna dello spirito di integrazione tra l’Africa e il Mediterraneo, dove la musica è il principale volano di sonorità e cultura comuni. Si inizia venerdì 6 con l’apertura ufficiale del Festival e i concerti in sonorità reggae degli Ibrahim Drabo e i Dankan e i Train To Roots. Da sabato 7 settembre spazio all’arte e ai dibattiti: nel pomeriggio verrà inaugurata la mostra pittorica “I Colori della Natura” degli allievi di Patrizia Gentili, a cura dell’associazione “L’Arte nelle Mani”. E ancora laboratori per i più piccoli, seminari di percussioni tradizionali africane e uno sguardo alle tematiche ambientali con i due dibattiti e proiezioni di documentari sullo stato della qualità dell’acqua nei Castelli Romani e il nuovo sfruttamento delle energie a biogas a cura a cura dell’Osservatorio sulla Qualità dell’Acqua Pubblica di Lanuvio, del Comitato Acqua Pubblica di Velletri e del Comitato No Inc di Albano. Dopo le lezioni di capoeira spazio alla musica con i Rawuelgue e Sossio Banda.

Nella giornata di chiusura del festival, prevista per domenica 8 settembre con uno sguardo sull’attualità e sulle culture dell’accoglienza dell’Africa e del Mediterraneo, non si poteva non parlare dello status giuridico delle seconde generazioni di immigrati. “Più che un’urgenza: la questione delle seconde generazioni di immigrati nati in Italia ed il diritto di cittadinanza”, questo il titolo del dibattito con il Dott. Mario Contini Junior dell’associazione Culturale “Pontum” e l’Onorevole Khalid Chaouki.  L’ultima serata del Festival è tutta incentrata sul tema dell’integrazione e quindi la chiusura musicale è affidata ai Karama Konkoba e alla Piccola Orchestra di Tor Pignattara, che sulla scia dell’orchestra di Piazza Vittorio mette insieme i giovani immigrati nati e cresciuti in Italia. Castelli in Africa è organizzato come ogni anno dalla Comunità Giovanile Zampanò con il patrocinio del Comune di Lanuvio: “Da sempre Zampanò porta avanti una politica di collaborazione ed apertura verso altre associazioni ed organizzazioni dei Castelli Romani – dichiara la presidente Emanuela Mannoni – e non, ma mai come quest’anno la risposta e la propositività dall’esterno per il festival sono state così grandi”.

“Castelli in Africa è uno spazio aperto, un’opportunità ed un luogo da sfruttare per il cambiamento. L’interculturalità, la lotta all’intolleranza e al razzismo, una seria pratica dell’integrazione e del rispetto (per l’uomo, per l’ambiente), passano prima di tutto attraverso l’apertura nei confronti di chi ci è più vicino. Con tutti i mezzi a disposizione di Zampanò e grazie a questa rete collaborativa, Castelli in Africa 2013 sarà più che mai una sfida alla cultura della diffidenza e del sospetto”. Come ogni anno sarà allestita un’area camping e un’area  fieristica dove, come ogni anno, esporranno banchi di artigianato e associazioni di volontariato con progetti di solidarietà internazionale. La cucina locale sarà ancora una volta gestita dalla Onlus “Chiara per i Bambini del Mondo” ed il ricavato andrà devoluto al loro progetto di costruzione di una scuola in Congo. La sera sarà aperta anche la cucina africana, con specialità dall’Eritrea.

987 Commenti

I commenti sono bloccati