Frascati festeggia Carlo Del Vescovo

Frascati festeggia Carlo Del Vescovo

  • Print
  • Add to Favorites

Una targa per il 90° compleanno di Carlo Del Vescovo, organizzando anche una piccola festa a sorpresa nella Biblioteca Comunale insieme ai figli e al gruppo esperantista.

Frascati, giovedì 21 novembre 2013 – Ha compiuto oggi il suo novantesimo compleanno il Professor Carlo del Vescovo. La Città di Frascati e l’Amministrazione Comunale hanno voluto donargli una targa per ricordarne la figura di insegnante, bibliotecario e maestro di Esperanto. A festeggiare Del Vescovo, nella Sala Archivio Storico della BASC (Biblioteca Archivio Storico Comunale), insieme ad un nutrito gruppo di amici ed allievi, c’erano il Sindaco Stefano Di Tommaso, il Presidente del Consiglio Comunale Paolo Ciuffa, l’Assessore alle Politiche educative e Pari opportunità Armanda Tavani, l’Assessore alle Politiche culturali Gianpaolo Senzacqua.

«Carlo Del Vescovo è stato prima insegnante elementare e successivamente di inglese all’Istituto “Fermi”. Nel 1953 ha aperto la nuova Biblioteca Eboracense nei locali del Seminario in Piazza del Gesù, trasferendosi poi nei locali al piano terra di Palazzo Marconi – ricorda il Sindaco Di Tommaso -. Grazie alla sua estrema dedizione al lavoro bibliotecario convinse il Commendatore Ettore Apolloni a fornire la Biblioteca di nuove scaffalature e, con il sostegno dell’allora Assessore Nobiloni, trovò gli stanziamenti comunali per implementare il fondo librario. Da sempre impegnato nell’assistere gli studenti nelle loro ricerche è attualmente Presidente del Gruppo Esperantista Tuscolano, tenendo lezioni di esperanto due volte a settimana. La lingua della bontà, come ama definirla Del Vescovo. La razionalità e l’attenzione all’errore fanno di questa lingua un codice non da trasmettere meccanicamente ma un complesso di segni del quale lo studente può valutare errori, sbagli e omissioni. Voglio ancora sottolineare – conclude il Sindaco – l’attività pluridecennale del “maestro” che, attraverso l’attività didattica e l’attenzione all’educazione dei bambini improntata alla serietà e all’etica, ha formato generazioni che tuttora lo ricordano con affetto e riconoscenza».

Un affettuoso amarcord quello tracciato dal Presidente Ciuffa: «Del Maestro ricordo i suoi modi gentili ma decisi. Carlo Del Vescovo appartiene a quel gruppo storico di maestri che nel dopoguerra e negli anni successivi hanno rappresentato un riferimento importante per le scuole di Frascati, costituendo un punto di eccellenza per l’alfabetizzazione e la promozione culturale e sociale».

«Lo ricordo indaffarato muoversi tra gli scaffali della vecchia biblioteca – afferma l’Assessore Tavani -, così come impegnato nelle lunghe passeggiate che tuttora compie per tornare a casa. Ho impressa nella mente  la sua figura camminare lungo la “Passeggiata” fuori porta, con andamento sicuro e flessuoso, che ne connota un’espressione della vita diretta e democratica per eccellenza».

«Nel corso degli anni  – aggiunge l’Assessore Senzacqua – abbiamo avuto modi di apprezzare le virtù dell’educatore e dell’appassionato della cultura e dei libri, immerso come è stato il “nostro” Del Vescovo in tutta una vita da bibliotecario».

«Grazie al suo impegno e alla sua disponibilità – sottolinea Rosanna Masi, Responsabile della BASC – a Frascati sono 30 anni che si coltiva con continuità lo studio dell’esperanto. Ho voluto fortemente l’introduzione dell’insegnamento di questa lingua e con il Prof. Del Vescovo è nato un sodalizio che ha dato luogo a tanti ed importanti eventi e appuntamenti sotto l’egida del Comune di Frascati».

513 Commenti

I commenti sono bloccati