Giorgia:«L’album dei miei 40 anni»

Giorgia:«L’album dei miei 40 anni»

  • Print
  • Add to Favorites

A due anni dall’ultimo lavoro, il nuovo disco ha un respiro internazionale. Registrato a Los Angeles, presenta uno dei più bei duetti del panorama musicale, quello con la star Alicia Keys

Roma, giovedì 28 novembre 2013 – E’ uscito da pochi giorni il nuovo album di Giorgia, dal titolo “Senza paura”, che ha già conquistato il pubblico posizionandosi in testa alla classifica degli album più venduti in Italia. Il disco, prodotto dopo due anni dall’ultimo, è stato preceduto del singolo “Quando una stella muore”, il cui video presenta una Giorgia in versione fiabesca, ma pur sempre raffinata. La cantante romana, con un’estensione vocale di tre ottave e mezzo, è una delle più belle voci del panorama internazionale ed esprime in questa opera, molto della sua personalità, essendo co-autrice di molti pezzi. E’ l’album della “maturità, dei miei quarant’anni” come ama definirlo la cantante. C’è la volontà di superare certe  paure: ”non cerco più la perfezione assoluta, canto dal vivo come canto in studio, cosa che mi portava ad avere quasi paura di cantare”.

Questa rinnovata maturità l’ha portata per la prima volta a dare all’album un respiro internazionale, sia perché è stato inciso nei Sunset Studios di Los Angeles con musicisti del calibro di Gary Novak, Reggie Hamilton, Michel Landau, prodotti e arrangiati da Michele Canova e sia per la collaborazione con Alicia Keys e Olly Murs.  “Si è presa molto tempo prima di decidere di duettare con me (I will pray) – parlando della star della black music Alicia Keys-, ma alla fine, sorprendentemente, ha voluto inserire anche delle frasi in italiano”,  precisa Giorgia, dando vita ad un connubio irresistibile.

“La collaborazione con Olly Murs (Did I lose you)- nuovo idolo del soul pop, reduce da X Factor,-  è stata caratterizzata dal suo entusiasmo e dalla sua coinvolgente allegria”. “Incidendo invece il  brano scritto da Ivano Fossati (Oggi vendo tutto) ho soddisfatto un desiderio di mia madre, fin dagli inizi della mia carriera”. Dalle quindici tracce ne viene fuori un album,  con alternata sonorità, che va dalla dance, al pop e al soul. E’ un disco che la rappresenta pienamente. “È un punto di incontro di tante cose con cui ho combattuto per anni, senza riuscire ad amalgamarle del tutto, la scrittura, il canto, gli arrangiamenti, diciamo che alla fine è come se mi fossi riunita, completamente”. In maggio Giorgia tornerà in tour, donandoci non solamente la sua straordinaria voce, ma anche una nuova libertà espressiva, frutto di una maturità più consapevole.

Antonella cittadino

858 Commenti

I commenti sono bloccati