“Dodici anni schiavo” miglior film del 2014

“Dodici anni schiavo” miglior film del 2014

  • Print
  • Add to Favorites

E’ stato il film rivelazione degli Oscar 2014 a Los Angeles, candidato a nove premi tra cui miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura non originale; ha trionfato conquistando il premio più importante: miglior film del 2014

Roma, giovedì 17 aprile 2014 – Dodici anni schiavo con Steve McQueen alla regia è uscito nelle sale italiane il 20 febbraio 2014 e ha una durata di circa 134 minuti. L’opera di McQueen è un genere biografico, drammatico e storico, adattamento dal romanzo omonimo di Salomon Northup (nel film interpretato da Chiwetel Ejiofor), musicista nero, nato nella prima metà dell’800 da uomo libero in America. Dodici anni schiavo racconta la tragedia vissuta da Salomon nato nello Stato di New York a Saratoga Spring con una bella famiglia, un buon lavoro e una bella città dove vivere; ad un certo punto viene drogato, venduto come schiavo e trasferito prima a Northup poi a Platt; infine a New Orleans viene messo in vendita.

Proprio da lì inizierà l’incubo, durato dodici anni, dove il regista riesce benissimo a trasmettere il malessere fisico del protagonista, vengono riprese intere scene di torture fisiche e psichiche; qua Sean Bobbitt (cast tecnico alla fotografia) e Hans Zimmer (alla musica) hanno dato un contributo fondamentale al film. Insieme alla storia, ciò che McQueen riesce a fare (come nei suoi precedenti lavori: Hunger 2008 e Shame 2011), trasmettere la vera sofferenza, quì rappresentata dalla schiavitù. Amnesty International ha patrocinato l’uscita del film, dal loro sito si legge: «questa storia si collega a quella di tanti uomini e tante donne il cui lavoro è sfruttato in condizioni estreme». Dall’intervista rilasciata a Maria Pia Fusco di Repubblica, il regista rispondendo ad una domanda riguardo la crudeltà di alcune scene: «la schiavitù è la brutalità delle punizioni e delle torture e non è giusto velare di ipocrisia il dolore fisico inferto».

In Dodici anni schiavo Lupita Nyong’o 31 anni (interpreta la schiava Patsy) è stata premiata come miglior attrice non protagonista, Oscar che le ha permesso di farsi conoscere al grande pubblico. Nata in Messico ma cresciuta in Kenya è un’attrice particolare, dai lineamenti del viso singolari, avremo modo di vederla al cinema con un nuovo film Non-stop già uscito negli USA, in Italia arriverà in primavera. Dodici anni schiavo ha incassato 48 milioni di dollari, film che ha decretato il successo di McQueen come regista. La realizzazione  è stata possibile anche grazie al prezioso contributo di Brad Pitt, entrato nella produzione e nel cast.

Francesca Giuliani

0 Commenti

I commenti sono bloccati