Le opere di Luca Maria Patella in mostra al MACRO di Roma

Le opere di Luca Maria Patella in mostra al MACRO di Roma

  • Print
  • Add to Favorites

Il centro dell’arte contemporanea capitolina ospita una restrospettiva dedicata ai primi vent’anni di sperimentazioni del grande artista italiano.

Roma, 27 gennaio 2015 – Mancano pochissimi giorni alla mostra che il 30 gennaio il MACRO – Museo d’Arte Contemporanea inaugurerà per celebrare l’artista Luca Maria Patella, Ambienti proiettivi animati, 1964-1984 (questo il titolo) e che rimarrà aperta al pubblico fino al 26 aprile 2015. Un progetto espositivo che riprende una “vecchia” personale voluto dall’artista nel pieno degli anni della contestazione politica e studentesca (era il 1968) e che per l’occasione, al tempo, era stata allestita alla galleria l’Attico di Fabio Sargentini.

Dopo quasi cinquant’anni grazie a Benedetta Carpi De Resmini e Stefano Chiodi, a Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Creatività, Promozione Artistica e Turismo – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, e al supporto della Fondazione Morra di Napoli, che da anni ne cura le esposizioni e l’archivio generale, è finalmente possibile riscoprire un grande artista, pioniere assoluto dell’uso della multimedialità nell’arte. Attraverso la selezione di alcune tra le opere più esplicative dei suoi primi vent’anni di attività, il pubblico potrà ripercorrere anche criticamente gli esordi di Patella nell’arte. Da sempre uno degli artisti italiani più all’avanguardia che già dagli anni Sessanta  inizia ad usare fotografia, film e grafica in relazione con l’architettura e lo spazio circostante.

Tra installazioni, azioni performative, film, libri e tele fotografiche, il maestro ha creato inediti punti di vista snodati tra le sale del MACRO che, per l’occasione, sono state organizzate in moda da mettere in luce tutti i passaggi creativi che Luca Maria Patella ha realizzato tra il 1960 e il 1970. In programma un’importante proiezione di film realizzati sempre nello stesso decennio e che per la mostra sono state restaurate dalla Cineteca Nazionale di Roma, a dimostrazione dell’uso sperimentale e proto-concettuale del medium cinematografico. La rassegna di film in mostra è nata dalla collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, importante partner della manifestazione.

0 Commenti

I commenti sono bloccati