Mario Dondero, un evento fotografico alle Terme di Diocleziano

Mario Dondero, un evento fotografico alle Terme di Diocleziano

  • Print
  • Add to Favorites

Tra i grandi nomi del fotogiornalismo europeo e mondiale, da non perdere la mostra che racconta in bianco e nero il controverso Novecento.

Roma, 28 febbraio 2015 – La fotografia “made in Italy” ha quel tocco in più ereditato probabilmente dalla grande tradizione cinematografica (passata) del nostro Paese. Questo almeno è quello che viene in mente quando si osservano i lavori di Mario Dondero nella mostra a lui dedicata tra le grandissime aule delle Terme di Diocleziano ancora fino al 22 marzo 2015. Quattro sezioni per raccogliere 250 fotografie in cui si raccontano e si snodano i momenti storici che più hanno segnato il XX° secolo.

Promossa dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma ed Electa, l’esposizione inaugura il primo “compendio di una vita da fotoreporter”. Da sempre attento all’attualità, agli esseri umani e al loro destino, l’autore nel tempo ha riscosso sempre più simpatia e ammiratori tra gli amanti del genere e semplici appassionati. Una forte attenzione per la qualità dell’immagine e per la sua presentazione, i suoi racconti fotografici sono semplici e senza ritocchi. Questo oltre ad un occhio sensibile e particolare nel cogliere il momento da immortalare, lo hanno inserito tra le personalità più importanti del fotogiornalismo sia italiano che europeo.

Le stanze delle Terme di Diocleziano dividono i suoi lavori tra parole, immagini e storie che sono divise sia per cronologia che per aree geografiche. Il pubblico potrà così capire il percorso che Dondero ha voluto esprimere riguardo agli eventi politici, culturali e sociali vissuti in prima persona. Tra ritratti di gente comune e volti appartenenti al mondo delle celebrità. Immagini in bianco e nero che raccontano il pienissimo secolo che ci ha preceduto tra cambiamenti, guerre, innovazioni e tanti, tanti cambiamenti e che l’autore ha raccolto in circa sessant’anni di attività.

Classe 1928, Mario Dondero è tra gli ultimi grandi fotografi esistenti del secolo scorso. Tutti i suoi lavori oltre che in mostra a Roma sono stati raccolti in una prima grande monografia che per l’occasione inaugura la nuova collana Electaphoto. Il primo catalogo che racconta tutta la sua straordinaria attività fotografica.

 

 

0 Commenti

I commenti sono bloccati