Caetano Veloso e Gilberto Gil, in tour: a luglio in Italia

Caetano Veloso e Gilberto Gil, in tour: a luglio in Italia

  • Print
  • Add to Favorites

Tornano dopo anni di assenza dall’ Europa in un tour che li vedrà impegnati nel nostro Paese con quattro imperdibili date.

Roma, 17 aprile 2015 – Tornano in Europa dopo 21 anni di assenza Caetano veloso e Gilberto Gil con Two friends, A Century of music, il nuovo tour live che li vedrà impegnati con ben quattro date sui palchi del nostro Paese per tutto il mese di luglio. Dopo l’apertura iniziale prevista per il 25 giugno nella magica città di Amsterdam, il concerto “tutto italiano” apre le danze il 10 luglio (al nord), al Festival Area dei Beni Comuni di Chieri in provincia di Torino; le tappe proseguiranno l’11 luglio al Festival di Villa Arconati a Bollate in provincia di Milano, il 17 luglio scenderanno in Umbria nella città di Perugia in occasione dell’Umbria Jazz 2015 per poi concludere il 19 luglio a Udine. C’è ancora del tempo a disposizione per organizzare e acquistare i biglietti. Sono passati 21 anni da quando nel 1994 si esibirono per la gioia dei loro fan nel Tropicalia due tour. Quest’anno non è stata solo la voglia di suonare a farli riunire di nuovo insieme, ma anche (e soprattutto) l’occasione per festeggiare ben 50 anni di carriera e amicizia straordinaria. Un incontro casuale, avvenuto agli inizi degli anni Sessanta nella splendida Salvador di Bahia, che ha unito due giganti della musica in un rapporto professionale che dura ancora oggi. Cavalcando lo stesso successo degli inizi e confermando la loro notorietà anche tra le nuove generazioni. E a guardarli esibirsi sul palco, sembra proprio che per “Caetano & Gil” il tempo non sia mai passato. Stessa allegria, stessa energia e voglia di tornare tra il loro pubblico, specie per quello europeo che per impossibilità geografiche, non ha la fortuna di poterli vedere spesso esibire dal vivo. L’estate italiana si colora di sfumature Carioca, per ballare al ritmo di Veloso e Gilberto in un concerto imperdibile e per assaporare samba e sound “do brasil” da due piccoli mostri sacri dela musica mondiale.

 

 

0 Commenti

I commenti sono bloccati