Ferentino, il tribunale: «Ai vigili l’indennità di disagio»

Ferentino, il tribunale: «Ai vigili l’indennità di disagio»

  • Print
  • Add to Favorites

Secondo la sentenza del giudice del lavoro di Frosinone, il Comune avrebbe dovuto corrispondere agli operatori di polizia municipale un’indennità per il lavoro svolto in condizioni di «esposizione ad agenti fisici, chimici, atmosferici e biologici». Accolto così un ricorso della Federazione poteri locali della Uil

Ferentino (Frosinone), venerdì 4 agosto 2017 – Il Comune di Ferentino dovrà pagare 14mila euro in favore degli operatori della polizia municipale quali indennità di disagio, corrispondenti al periodo di cinque anni. Lo rende noto la Federazione poteri locali della Uil di Frosinone, facendo riferimento a una recente sentenza del giudice del lavoro del capoluogo ciociaro, giunta al termine di un lungo contenzioso tra il sindacato e l’amministrazione ferentinate.

Per Paolo Pandolfi, segretario territoriale della Uil-Flp, «il nostro sindacato continua a confermare il suo quotidiano e costante impegno a tutela dei diritti dei lavoratori del pubblico impiego provinciali, rafforzando così la propria disponibilità a fornire assistenza e patrocinio a tutti gli operatori del pubblico impiego ciociaro. Anche se ci è voluto il tempo necessario per vedersi riconosciuto quanto dovuto, la Uil-Flp è riuscita a fare piena luce su una vicenda che ormai può definirsi conclusa».

Secondo la sentenza emessa da Laura Laureti, giudice del tribunale del lavoro di Frosinone, il Comune di Ferentino avrebbe dovuto corrispondere ai propri vigili urbani un’indennità dovuta per l’espletamento dell’effettiva attività lavorativa svolta in condizioni di «esposizione ad agenti fisici, chimici, atmosferici e biologici» e che «compete al personale dell’area di vigilanza addetto in maniera continuativa ai servizi esterni di viabilità, nonché ausiliario del traffico».

A difendere in giudizio i vigili urbani ferenti nati, per conto della Uil-Flp, sono stati gli avvocati Giuliano Risi e Leda Socci, dello studio legale Risi di Frosinone, i quali hanno sostenuto che agli operatori era stata negata illegittimamente l’indennità di disagio per cinque anni.

«Ritrovarci sistematicamente – commenta Pandolfi – a difendere situazioni acclarate che senza motivo le amministrazioni sospendono, sta diventando quasi imbarazzante. Anche perché non comprendiamo come si debba arrivare ad un giudizio e perdere cause, quando sarebbe preferibile concertare e pagare il dovuto senza arrivare davanti ai giudici del lavoro. Evidentemente le amministrazioni preferiscono allungare i tempi».

0 Commenti

I commenti sono bloccati