Sorrentino in sala con “Loro 2”

Sorrentino in sala con “Loro 2”

  • Print
  • Add to Favorites

La seconda parte della pellicola sulla vita di Silvio Berlusconi è nelle sale cinematografiche ormai da una settimana. “Non è un film schierato e ideologico, ma siamo partiti da una semplice storia d’amore”, ha dichiarato il regista nella conferenza stampa di presentazione

Roma, mercoledì 16 maggio 2018 – E’ uscito nelle sale cinematografiche il prossimo 10 maggio Loro 2, la seconda parte della pellicola di Paolo Sorrentino dedicata a Silvio Berlusconi che in Italia ha già fatto discutere la critica e non solo. Un film che potrà contare su un cast di sicuramente alto livello: l’ex premier verrà rappresentato da Toni Servillo, mentre Elena Sofia Ricci reciterà nei panni della moglie Veronica Lario. Nel film troviamo anche Riccardo Scamarcio, Kasia Smutniak, Fabrizio Bentivoglio, Ricky Memphis e tanti altri attori. In questa seconda parte il regista rinnoverà la sua fascinazione per il potere che aveva già messo in evidenza in altri suoi lavori precedenti come Il Divo. Silvio Berlusconi viene fotografato nei suoi aspetti umani: solitudine e tristezza. Per questo la figura dell’ex Premier non esce male da questo film.

Loro 2 ha un certo continuum con Il Divo, primo film di Paolo Sorrentino dedicato ad un uomo politico come Giulio Andreotti. Anche lì l’attore protagonista era Toni Servillo: “Ho avuto la fortuna – spiega l’attore napoletano – di aver recitato in quel film: ciò mi ha permesso di mettere a confronto l’uno con l’altro personaggio reale e politico.  Andreotti era un personaggio ‘divo’ nel senso degli imperatori romani, si muoveva totalmente in ambienti e palazzi politici, la sua introversione alimentava il mistero e il segreto. In questo film siamo di fronte a un divo estroverso che si pone al centro della scena politica con una estroversione che ne fa quasi un personaggio da cinema, qualcuno che con la sua presenza occupa in maniera ossessiva l’interiorità di chi tenta affannosamente di imitare il modello senza riuscirci. Ecco, questo mi interessava molto nel dialogo fra le due interpretazioni”.

Le dichiarazioni del regista -“Non è un film schierato e ideologico – ribadisce nella conferenza stampa di presentazione il regista Paolo Sorrentinosiamo partiti da una storia d’amore, quella di Silvio e Veronica, di un uomo e una donna. Sarebbe stupido fare un film di parte perché avremmo toccato questioni ampliamente sviscerate e dibattute, dalle quali siamo fuori tempo massimo. Finora, invece, non era ancora stata puntualizzata la dimensione dei sentimenti che stanno dietro all’uomo politico e al suo contorno”. Tanta attesa quindi per l’uscita di Loro 2 che spera di bissare il grande successo del primo capitolo della storia su Silvio Berlusconi. Uscito ormai lo scorso 24 aprile, Loro 1  ha incassato in meno di una settimana ben 2 milioni di euro.

Francesco Spagnolo

0 Commenti

I commenti sono bloccati