La nuova pedagogia di Papa Francesco

La nuova pedagogia di Papa Francesco

  • Print
  • Add to Favorites

Presentato a Castel Gandolfo, il nuovo progetto educativo raccoglie l’esperienza di Scholas Occurrentes e la pedagogia dell’armonia che segue il pensiero di Papa Francesco

Roma, lunedì 2 luglio 2018 – L’importanza della condivisione, della cultura e di un’educazione alla Pace sono tra i principi fondamentali a cui Papa Francesco fa riferimento sin dai tempi di Buenos Aires, quando ancora era un Arcivescovo. Anni molto importanti in cui presero vita “Escuela de Vecinos” e “Escuelas Hermanas” i due programmi ideati dal Pontefice con l’intento di “unire le scuole, lo sport e la solidarietà”. Un progetto molto importante che in occasione del IV Congresso Internazionale delle Cattedre ScholasUniversità e Scuola. Verso il rilancio di università ‘in uscita’” (che dal 27 al 29 giugno 2018 ha riunito a Castel Gandolfo i docenti di 75 Università pubbliche, private e laiche provenienti da 30 Paesi di tutto il mondo) ha presentato ai presenti in Sala Stampa Vaticana il 28 giugno 2018: la Fondazione Pontificia Scholas Occurrente. Prende la parola il Monsignor Angelo Maria Zani che spiega come “in una società nella quale convivono cittadini di tradizioni, culture e religioni differenti, la linea di azione di Scholas Occurrentes è quella di rilanciare un’educazione basata sulla formazione e sulla cultura del dialogo”.

Una vera e propria istruzione informale che si sviluppa fuori dalle aule universitarie avvalendosi anche di altri supporti quali la musica, lo sport e la tecnologia. Perché non ci sono differenze. Tutti possono accedere e contribuire a una visione più moderna e al passo con l’evoluzione storico/attuale dell’umanità. Questa è la linea pedagogica voluta da Papa Francesco e promossa da Le Cattedre Scholas “questo progetto non va inteso come un nuovo insegnamento da collocare accanto a quelli che ogni università già offre, ma come un nuovo modo di immaginare la responsabilità culturale”- racconta il presidente della commissione esecutiva di Cattedre Scholas, Italo Fiorin- “La composizione multiculturale e multireligiosa, che si trova nelle università che aderiscono al progetto, rappresenta una risorsa di arricchimento e di costruzione di un mondo più solidale e pacifico”.

Il comune denominatore di tutti coloro che aderiscono al progetto ruota intorno ai grandi temi di attualità che Papa Francesco sottolinea sempre nei suoi discorsi. Un’idea può essere data da “Scholas Occurrentes e la pedagogia dell’armonia”, presentato durante il Congresso e che racconta l’esperienza di Scholas Occurrentes e la pedagogia dell’armonia che segue il pensiero di Papa Francesco. Un volume monografico inserito all’interno della rivista “Educatio Catholica” della Congregazione per l’Educazione Cattolica. Come spiega il presidente José María del Corral “questa rivista ci permette di approfondire la storia della Fondazione nata nel cuore di Papa Francesco e di rispondere alle tante domande di chi si approccia a Scholas per la prima volta”.

Anche quest’anno sono state molte le personalità che hanno preso parte a questa IV edizione del Genere Congresso Internazionale delle Cattedre ScholasUniversità e Scuola. Verso il rilancio di università ‘in uscita’”, José María del Corral, presidente di Scholas Occurrentes, monsignor Angelo Vincenzo Zani, segretario generale della Congregazione per l’Educazione Cattolica della Santa Sede, Enrique Palmeyro, direttore mondiale di Scholas Occurrentes, Italo Fiorin, presidente della commissione esecutiva di Cattedre Scholas (Università LUMSA), Gerald Cattaro (Fordham University, New York), Nissim Otmazgin (Università Ebraica di Gerusalemme) e, da segnalare, tre giovani universitari che hanno preso parte alle attività previste dal Congresso insieme ad altri studenti provenienti da diversi Paesi: Alessia Rigon (Università di Padova), Yusuf Isikoglu (Università Autonoma di Madrid) e Abd Alrahman Dukmak (Università libanese internazionale della Siria). Al termine della conferenza sono stati trattati i delicati temi dei rifugiati e dei migranti (sempre cari a Papa Francesco), e dell’importanza dello sviluppo integrale sostenibile del dialogo interculturale e interreligioso tra i popoli.

Per vedere il video di presentazione di Scholas Occurrentes, link: https://we.tl/Jy04LQBuFK.

0 Commenti

I commenti sono bloccati