Genova per noi

Genova per noi

  • Print
  • Add to Favorites

Domani, dopo il silenzio e la commozione profonda per le vittime e i loro cari, le parole che oggi non vengono dovremo trovarle, per chiedere a gran voce se possa essere considerato normale che in questo Paese si debba vivere ogni giorno nell’ansia di emergenze fasulle e mai si affrontino i problemi veri, strutturali. Che fanno crollare ponti e scuole, fanno inondare di fango interi paesi, fanno venire giù costoni di roccia

Roma, martedì 14 agosto 2018 – Ci vorrebbe Paolo Conte, forse, per riuscire a trovare le parole giuste, che proprio non riescono a venire, per spiegare quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così che abbiamo, oggi, tutti noi che abbiamo visto Genova. E che su quel viadotto ci siamo passati diverse volte, in periodi come questo, per andare a goderci una vacanza, o per lavoro.
Ma domani, dopo la commozione profonda di oggi per le vittime e i loro cari, le parole dovremo trovarle. Eccome se dovremo trovarle! Per chiedere a gran voce se possa essere considerato normale che in questo Paese si debba vivere ogni giorno nell’ansia di emergenze fasulle, indotte per mera propaganda politica, e mai si affrontino i problemi veri, strutturali. Che fanno crollare ponti e scuole, fanno inondare di fango interi paesi, fanno venire giù costoni di roccia.
Salvo poi piangere dopo le tragedie. Per un paio di giorni. Per poi tornare a twittare odio.

0 Commenti

I commenti sono bloccati